Biodanza in natura

 

 

Chi conduce il seminario:

Anja Maluck è insegnante di Biodanza, apicultrice,
appassionata della raccolta di erbe officinali e della cura degli animali.
E’ attiva nella Rete Italiana dei Villaggi Ecologici

 

Eduardo Montoya, allievo di Marshall Rosemberg, insegna la Comunicazione Empatica, aiuta e ha aiutato a formarsi molti gruppi di pratica  e porta nelle comunità l’approccio del Comunity Building.

 

Corricelli: il piccolo insediamento in mezzo agli alberi, con le capanne costruite con materiali organici, gli orti che si confondono con le piante spontanee, la grande cucina aperta, e la doccia e il compost-toilet immersi nella vegetazione, è la cornice ideale per il nostro seminario.
Solo un piccolo edificio è attrezzato con energia elettrica da pannello fotovoltaico, per caricare per esempio il telefonino (consiglieremo comunque di tenerlo spento più possibile durante questa esperienza).
I partecipanti condivideranno spazi e pasti e chiacchiere con gli abitanti dell’ecovillaggio che si sta sviluppando intorno al Borgo di Corricelli.

Sistemazione: in tenda propria. Se questo  dovesse creare delle difficoltà potremmo trovare altre soluzioni, sentiamoci per mail  o telefono.

La cucina: prevalentemente vegetariana, biologica e abbondante.

I costi: 120 Euro a persona a partire dal pranzo di venerdì fino al pranzo della domenica.

Da portare: Tenda, sacco a pelo, torcia, scarpe o sandali per camminare, costume, un telo per sedersi a terra e un maglione per la sera. Disponibilità di alzarsi presto la mattina e di collaborare nel lavaggio piatti.

Programma di massima (può variare in funzione del tempo):

venerdì 8 luglio

Arrivo possibilmente in mattinata; pranzo. Nel pomeriggio montaggio delle tende e visita dell’ecovillaggio. Alle 17.00 apertura del seminario con cerchio di presentazione e introduzione, seguito da una sessione di Biodanza sulla splendida aia del borgo di Corricelli. Cena, e al letto non tanto tardi perché il

sabato 9 luglio

ci alzeremo presto per assaporare la fresca limpidezza della mattina. Breve colazione e via, ci incammineremo per conoscere i luoghi, non lontani, che ospiteranno la nostra prima sessione di Biodanza in Natura. Quando arriverà il caldo torneremo alla nostra cucina ariosa per uno spuntino, e per incontrare Eduardo che integrerà la nostra esperienza di comunicazione non-verbale con una introduzione al linguaggio empatico tra noi umani.

Dopo pranzo e il lavaggio piatti, il meritato riposo. Solo quando farà più fresco partiremo di nuovo per continuare a danzare. Torneremo per la cena, e un cerchio di condivisione intorno al fuoco, lasciando poi lo spazio per le proposte che nascono dalla creatività collettiva. Dormiremo cullati dal chiacchiericcio dei ghiri sui rami sopra le nostre tende, per svegliarci la

domenica 10 luglio

con una bella colazione. Ci aspetta la nostra ultima sessione di Biodanza in quei boschi che ormai sono diventati casa nostra. Ci prenderemo tutto il tempo necessario, per poi trovarci insieme a pranzo e concludere il nostro percorso con un cerchio di condivisione sotto il noce, e un momento di celebrazione e saluti.

Per qualsiasi domanda e la prenotazione possibilmente entro il 20 giugno (i posti sono limitati) scrivete o telefonate a Anja: anjama@iol.it, tel. 3339821475