Fondi erogati nel 2009 dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena

La Fondazione Monte dei Paschi di Siena per perseguire fini di utilità sociale, con il territorio e le istituzioni di riferimento, sostiene economicamente progetti di iniziativa propria o proposti da soggetti terzi nei seguenti settori: arte, attività e beni culturali, educazione, istruzione e formazione, ricerca scientifica e tecnologica, salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa, sviluppo locale ed edilizia popolare, volontariato, filantropia e beneficienza, beni ambientali. Il bando esce annualmente nel mese di marzo.

Erogazioni per 180 milioni di euro
108 milioni ai progetti di terzi

Una situazione di crisi a cui la Fondazione Monte dei Paschi dà una risposta forte, assicurando al proprio territorio di riferimento un sostegno consistente attraverso cifre importanti destinate soprattutto allo sviluppo locale ed al sociale, che vede aumentare la propria quota fino ad arrivare ai 40 milioni di euro.
Ammonta infatti a poco meno di 180 milioni di euro, la somma che la Fondazione impegna quest’anno per la sua attività istituzionale, a cui si aggiunge l’accantonamento di 64 milioni di euro destinati al Fondo di stabilizzazione delle erogazioni.
La distribuzione degli utili a valere sul Bilancio 2008 è stata approvata questa mattina dalla Deputazione Amministratrice e presentata nel corso di una conferenza stampa dal presidente Gabriello Mancini, dal vicepresidente Vittorio Galgani e dal direttore generale Marco Parlangeli.
Chiara la volontà di dare accoglienza comunque adeguata, pur alla luce delle minori risorse disponibili, alle richieste arrivate con il bando ordinario 2009, a cui si unisce la responsabile decisione di forti accantonamenti a garanzia delle erogazioni future.
Del resto una prima risposta concreta alle istanze della comunità senese era venuta dalla Fondazione Mps con la sottoscrizione per un importo di 15 milioni di euro dell’aumento di capitale della Finanziaria Senese di Sviluppo e poi con il bando straordinario dello scorso gennaio, mediante il quale sono stati erogati complessivamente 17,4 milioni di euro per i settori dello sviluppo economico e del sociale.
Le erogazioni vedono dunque attivata una massa consistente di contributi, 179,8 milioni di euro (233 milioni lo scorso anno, ma fu un dato record, lontano dalle medie precedenti), dovuta anche a 14 milioni recuperati da somme erogate in passato e non utilizzate. A costituirne la parte preponderante sono naturalmente i 108 milioni di euro (165 nel 2008) destinati ai progetti di terzi, a cui si aggiungono i 17,4 del bando straordinario, i 36,4 milioni che la Fondazione ha destinato a interventi diretti in settori di particolare rilievo, attraverso i progetti propri come ad esempio Accademia Chigiana, Siena Biotech, Vernice Progetti. Da considerare infine la somma di 18 milioni, suddivisa in parti uguali tra Progetto Sud e Fondi Regionali per il Volontariato.
A fronte delle 3.000 domande giunte alla Fondazione (furono 3.633 lo scorso anno), dopo un’accurata analisi effettuata in questi mesi dalla struttura e quindi dalle commissioni della Deputazione Amministratrice, ne sono state ammesse 2.626 (3.173 lo scorso anno) e di queste 1.006 (1.345 nel 2008) hanno ottenuto il finanziamento. Una rigorosa scelta selettiva compiuta tenendo conto di criteri di priorità quali il completamento dei progetti già avviati, la realizzazione di infrastrutture (tra cui sedi per le associazioni del volontariato o impianti sportivi), l’immediata e concreta ricaduta sul territorio, il sostegno alle categorie deboli. Altro criterio importante la capacità di fare sistema, come nel caso della cablatura del territorio senese o del protocollo fra i comuni montani del grossetano per la riqualificazione dei centri urbani.
E’ ancora il territorio della provincia di Siena, così come lo statuto della Fondazione prevede, il principale beneficiario degli utili, con oltre 89 milioni di euro, che rappresentano l’82,45% del totale, salendo a quota 84,03% se si considera anche l’incidenza del bando straordinario. Al resto della Toscana, come sempre tenuta nella massima considerazione, sono stati destinati oltre 15 milioni di euro, pari al 13,92 %, di cui 6,6 milioni assegnati al territorio grossetano, 6,11%. L’impegno nei confronti delle altre regioni italiane si attesta su 3,9 milioni (3,62%), ma va ricordato anche il finanziamento di circa 9 milioni al Progetto Sud.
La ripartizione geografica conferma l’impegno della Fondazione Mps nei confronti del territorio senese, e proprio la massima considerazione verso le difficoltà esistenti si è concretizzata in un’inversione del trend degli ultimi anni, portando ad una crescita della percentuale di erogazioni destinata alla nostra provincia. Era stata infatti del 78,56% nel 2005, dell’81,71% l’anno successivo, dell’80,32% nel 2007, dell’81,42% lo scorso anno. Impegno che si estende anche al territorio grossetano verso il quale viene mantenuto forte il legame storico con un sensibile aumento di risorse. Da sottolineare inoltre significative erogazioni in ambito regionale ed anche nazionale dove c’è stata particolare attenzione per alcune aree territoriali quali Mantova, il Veneto, il Piemonte, la Puglia.
Fra i settori rilevanti, allo sviluppo locale ed edilizia popolare è toccata la maggior quota parte delle erogazioni, con oltre 41,7 milioni di euro, tutti distribuiti sul territorio senese.
Tra questi oltre 4,5 milioni sono stati destinati al Progetto Casa, che coinvolge i comuni della provincia senese, con una cifra consistente, 1,5 milioni, stavolta finalizzata ai fondi integrazione canoni di affitto. Ammontano a oltre 32 i milioni destinati finora dalla Fondazione a tale progetto.
A seguire troviamo l’arte e la cultura, con quasi 20 milioni, ai quali vanno aggiunti gli interventi diretti della Fondazione, tra cui i progetti propri Accademia Musicale Chigiana e la società strumentale, Vernice Progetti Culturali. Quindi il settore dell’educazione, istruzione e formazione destinatario di oltre 16,7 milioni di euro.
Al quarto posto la sanità, che ha ricevuto oltre 10,4 milioni di euro.
Ed ancora la ricerca scientifica con più di 7,6 milioni, una cifra che conferma l’impegno della Fondazione Mps la quale, oltre a sostenere le attività dell’Università agli Studi di Siena, dell’Università per Stranieri, degli altri atenei toscani e italiani, nonché di numerosi istituti di rilevanza nazionale, porta avanti il progetto della sua società strumentale, Siena Biotech, a cui si aggiunge la partecipazione in “Toscana Life Sciences”, il parco scientifico e polo tecnologico con sede a Siena, attraverso anche la società strumentale Biofund.
Nei rimanenti settori particolare rilievo e priorità agli interventi su volontariato, welfare, assistenza anziani, giovani e categorie deboli. Considerando che proprio al sociale erano andati quasi 13 milioni del bando straordinario i finanziamenti nel comparto raggiungono un tetto che oltrepassa i 40 milioni di euro, di gran lunga superiore ai 31 milioni dello scorso anno.
Da sottolineare anche la cifra di oltre 2,6 milioni destinata a progetti di protezione e qualità ambientale e quella per il sostegno all’attività sportiva, che si attesta su una somma superiore ai 2,5 milioni di euro.
Ai progetti di cooperazione internazionale assegnati quasi 1,4 milioni di euro, a cui va aggiunta la seconda tranche di 1 milione di euro per il progetto proprio articolato su base triennale “Fondazioni4Africa”, condotto in collaborazione con altre tre Fondazioni: Compagnia di San Paolo, Cariplo e Cariparma.
Con le quote di co-finanziamento per un ammontare di oltre 206 milioni, verranno complessivamente attivate risorse per circa 315 milioni di euro.
Nella distribuzione dei contributi l’orientamento è stato ancora una volta quello di privilegiare i progetti di consistenza superiore ai 500 mila euro, che rappresentano il 56,56 % del totale, mentre il 29,77 % è compreso nella fascia tra 100 mila e 500 mila euro. Soltanto il 2,76 % delle erogazioni riguarda cifre inferiori ai 20 mila, un sostegno comunque insostituibile per tutta la rete di molteplici attività che si svolgono sul territorio nell’ambito dell’associazionismo e che costituiscono un forte impulso al rafforzamento del tessuto sociale della comunità.
Tutti i progetti finanziati e i relativi importi sono visibili sul sito www.fondazionemps.it.